GENOVA IN UN GIORNO | My Glam Wanderlust
17198
post-template-default,single,single-post,postid-17198,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

GENOVA IN UN GIORNO

Ciao a tutti!

Eccoci finalmente tornati ad organizzare le nostre vacanze estive o anche solo semplicemente dei fuoriporta in giornata. Se come me avete a disposizione solo un giorno, vorrei proporvi una bella gita a Genova. Per farvi un’idea di questa bella città, continuate a leggere per scoprire come ho trascorso io l’intera giornata visitando il capoluogo ligure.

Partiamo dal fatto che Genova è una città davvero pittoresca. Dietro ogni angolo di strada, in mezzo ad ogni vicoletto, basta alzare gli occhi al cielo per notare facciate di palazzi sontuosi invisibili all’occhio distratto e, con la giusta curiosità, ovunque si possono scorgere dettagli in grado di attirare l’attenzione e lasciare chiunque a bocca aperta. Inoltre per chi ama la fotografia, le casette dai colori pastello e le viuzze strette e piene di vita rendono Genova la location perfetta!

Ed è proprio per queste numerose meraviglie che purtroppo il più delle volte ci si ritrova a dover fare delle scelte, sopratutto se non si ha molto tempo e si decide di visitare Genova in un giorno.

L’itinerario che io e la mia amica abbiamo deciso di seguire permette di cogliere alcune delle sfumature di questa città per gustare quelle piccole cose che rendono Genova così speciale. Quindi, siete pronti?

PIAZZA DEI TRUOGOLI DI SANTA BRIGIDA

La prima tappa immancabile non può che essere questa colorata e pittoresca piazza dal gusto un po’ retrò e che ancora oggi conserva uno dei pochi lavatoi sopravvissuti all’avvento delle lavatrici. Questo luogo resta senza dubbio uno degli angoli più suggestivi di Genova.

PIAZZA DE FERRARI

La piazza centrale e il cuore pulsante di Genova, riconoscibile dalla grande fontana circolare situata al centro, è uno dei luoghi simbolici della città. Da essa infatti si ramificano alcune delle maggiori vie del centro.

CATTEDRALE DI SAN LORENZO

Una bellissima cattedrale in marmo bianco che si alterna al nero. La volete sapere una piccola curiosità? Vi racconto velocemente la leggenda del cane di San Lorenzo. a destra di una delle due porte di acceso alla chiesa, se vi avvicinate con attenzione, potrete notare la forma di un cagnolino scolpito nel marmo. La leggenda narra che durante la costruzione della cattedrale ci fosse un cagnolino che girava sempre attorno agli scultori e che li accompagnava durante il lavoro. Durante l’ultima fase di costruzione, il cagnolino si smarrì e non fu mai più ritrovato. Gli scultori vollero ricordarlo dedicandogli una piccola scultura sulla facciata della cattedrale. Una storia di fedeltà scolpita nel marmo insomma.

I VICOLI DI DE ANDRè

Non si può dire di essere stati a Genova senza aver girovagato, anzi essersi anche un minimo persi, nei suoi vicoli. Magari nella celebre via Pré. Hai mai sentito parlare dei Caruggi? Caruggi è il termine con il quale nel dialetto genovese si indicano “i caratteristici e stretti portici e i vicoli di molte città e paeselli della riviera ligure”e il centro storico di Genova è composto da un intricato labirinto di stretti vicoli ombrosi. I caruggi genovesi sono un dedalo di viuzze in cui perdersi, dove lasciarsi avvolgere da un’atmosfera vissuta, autentica, piacevolmente decadente. Alcuni sono tortuosi, altri sono strettissimi, altri particolarmente bui… Pare che ci sia un mondo dentro ogni caruggio e proprio qui si snoda la vita dei genovesi. Io li adoro e non posso fare a meno di passeggiare tra un caruggio e l’altro col naso all’insù, fotografando i panni stesi e ammirando le vecchie botteghe.

IL PANORAMA PIù BELLO: SPIANATA CASTELLETTO

Ok, ormai avrete visto quasi tutto il centro di Genova, ma vi manca ancora una cosa: l’incantevole vista dei tetti della città da Spianata Castelletto, una piazza da cui si può godere di un panorama mozzafiato. Per arrivarci potrete decidere di percorrere una scalinata tra i vicoli in pendenza, ossia la “Salita alla Spianata di Castelletto”, o prendere un ascensore in stile liberty a picco su Genova sottostante. Si tratta dell’ascensore per il paradiso: “Quando mi sarò deciso d’andarci, in paradiso, ci andrò con l’ascensore di Castelletto”, recitava il poeta Caproni, livornese innamorato di Genova. Non perdetevi questa meta, vi farà innamorare della città.  Vedrete la storia di Genova di fronte ai vostri occhi; il vecchio e il nuovo che si fondono insieme e creano ciò che oggi è genova, con torri medievali e cupole barocche, con il mare e le gru del porto sullo sfondo. Il posto ideale insomma per starsene un po’ in pace, contemplando la città.

 

BOCCADASSE

Ultima tappa per concludere al meglio una giornata estiva dal sapore di mare: l’incantevole borgo marinaro di Boccadasse. Un vero e proprio gioiello. Un posto tanto pittoresco quanto un quadro a tinte pastello, di cui vi innamorerete facilmente. Piccoli vicoli che scendono verso il mare, casette colorate costruite a picco sulla roccia e le barche dei pescatori ormeggiate sulla spiaggia contribuiscono a rendere questo posto davvero incantevole.

 

DOVE MANGIARE: CAVOUR MODO 21

Oltre a cosa vedere a Genova in un giorno, vorrei anche consigliarvi dove mangiare. Dopo una bella passeggiata abbiamo tutti bisogno di una bella pausa pranzo e vi consiglio di fermarvi in questo ristorante tipico. A due passi dal Porto Antico e a prezzi modicissimi, vi indico questa trattoria le cui sale sono composte da muri rustici e pareti addobbate prevalentemente con bottiglie di vino e fiaschi, da curiosi ringraziamenti e disegni di clienti e amici fatti su tovagliette di carta. Ovviamente sarebbe da pazzi non ordinare un bel piatto di trofie al tipico pesto genovese, realizzato fresco da loro ogni giorno e per il quale questa trattoria ha vinto il premio mondiale per il miglior pesto. Non perdetevi inoltre di provare anche i pansoti al sugo di noci e un bel piatto di fritto misto di pesce da leccarsi i baffi.

 

“Genova è brutta, e poi c’è solo l’acquario da vedere”.

Ammetto di non aver mai pensato a Genova come una destinazione dove trascorrere un’intera giornata di visita, ma ingenuamente anche io stessa l’ho sempre associata solo ed esclusivamente al suo famoso acquario. E invece Genova è ben altro, tant’è che ancora mi chiedo perché non l’avevo mai presa in considerazione. Genova è pesto, focaccia e buona cucina. È storia, musei, palazzi eleganti. È mare e paesaggi da cartolina da raggiungere facilmente anche con i mezzi pubblici. Genova è piena di contrasti, con quei carruggi nei quali è meglio non passare dopo il tramonto, i palazzi sontuosi del Rinascimento, l’odore del mare e del pesce fritto in ogni dove, i mille colori di Boccadasse. Forse non ci si innamora di lei a prima vista, ma di certo non è brutta.

 

No Comments

Post A Comment