TRA EDIMBURGO E LE HIGHLANDS | My Glam Wanderlust
17145
post-template-default,single,single-post,postid-17145,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

TRA EDIMBURGO E LE HIGHLANDS

”  Whatever the season, Whatever the weather “

Ebbene sì, anche se ve ne parlo solo ora, in realtà questo viaggio risale agli inizi di Novembre… Ho deciso di visitare la Scozia durante la stagione autunnale perché, per quanto lassù faccia freddo, la natura si veste di colori sgargianti dalle infinite sfumature che contribuiscono a rendere indimenticabile questo angolo di paese. Solo in questo modo si può sentire addosso la Scozia degli scozzesi, quando ancora i turisti sono ben lontani.

Ma nessun viaggio in Scozia può dirsi tale senza una visita alla sua capitale: Edimburgo infatti è una città tutta da esplorare, dentro e fuori dal suo intricato labirinto di viuzze.

Nonostante i principali punti di interesse di Edimburgo siano concentrati nel centro cittadino, ossia nella Old Town, la città è ricca di luoghi insoliti e angoli nascosti che sfuggono alla maggior parte dei visitatori, anche se magari si trovano a pochi passi di distanza. Sebbene di piccole dimensioni, Edimburgo custodisce molti tesori. Ad ogni angolo infatti la capitale scozzese è in grado di regalare panorami improvvisi e paesaggi inattesi. Avrete capito che la città merita di essere girata e visitata lentamente, camminando tra una pausa per il tè e una per una foto all’ennesimo scorcio da film di magia. Sì, perché se c’è una cosa che balza subito all’occhio è che Edimburgo sembra essere uscita da un film di maghi e incantesimi, silenziosa e raccolta, stregata e fiabesca, con le sue vie acciottolate e i palazzi di mattoni ocra e grigi…

Tra le varie zone in cui girovagare a piedi vi è la Royal Mile, la via principale e pittoresca di quella che viene definita la Old Town di Edimburgo. Nonostante sia la via più turistica della città ho piacevolmente notato che è riuscita a conservare un certo fascino. Ebbene si, il Royal Mile è un susseguirsi di negozi di sciarpe e maglioni di lana scozzese, pub centenari e negozi di souvenir, ma è anche vero che da entrambi i lati della strada ci sono dei minuscoli affacci su vie e cortili interni: sono i cosiddetti “close”, delle vie in cui è irresistibile infilare il naso per curiosare.

E poi ci sono loro, Circus Lane e Dean Village, luoghi veramente particolari e fuori dal tempo che hanno mantenuto una certa personalità. Il Dean Village sorge lungo le sponde del Water of Leith, il fiume che attraversa Edimburgo, ed è per questo che è una zona molto verde in cui è possibile passeggiare tra la vegetazione e le case di mattoni rossi…

Edimburgo è davvero fatta per tutti, anche per coloro che non si accontentano di girovagare e passeggiare tranquillamente tra le viuzze. Come non citare infatti i tortuosi sentieri di Calton Hill, zona iconica della città? Si tratta di una collina con un punto di osservazione speciale. Dovete sapere che ho una tradizione quando viaggio. L’ultimo giorno cerco sempre un punto panoramico dove salutare la città o il paese visitato, e a Edimburgo non poteva che essere questo.

Ed ora arriva la parte più emozionante del mio viaggio. In un paese famoso per i suoi magnifici paesaggi, le Highlands non possono che stare in cima alla lista e lo spettacolo che hanno da offrire ti lascia senza parole. Arrivata qua, la realtà ha superato le aspettative. Quando pensavo alla Scozia, pensavo esattamente a questo.

E’ qui che si svela tutta la maestosità del paesaggio scozzese dal fascino selvaggio.  Terre dai colori variopinti quasi fossero usciti da quadri, cascate e greggi di mucche dalla folta pelliccia che nella loro completa libertà vivono in simbiosi con il territorio. I paesaggi cambiano durante il viaggio, e il tratto di strada da percorrere rivela scorci meravigliosi ad ogni curva: dai fitti boschi ai meravigliosi laghi in cui le montagne si specchiano, raddoppiando la loro bellezza. Qui il paesaggio del magnifico scenario di montagna è davvero spettacolare e incontaminato.

Raggiunta la valle di Glencoe, non si può che ascoltare il suo silenzio; è uno di quei luoghi dove l’uomo può essere solo spettatore. La giornata splendida e soleggiata, per niente scontata in Scozia durante l’autunno, ha illuminato il paesaggio durante tutto il tragitto del viaggio, per poi lasciare il posto alla pioggia, puntuale come sempre, durante la navigazione del lago di Loch Ness. Giusto per dare un tocco ancora più suggestivo.

Le Highlands sono ricche di folklore e di racconti di strane creature, e il lago, profondo specchio nero, è culla della più famosa delle tante leggende coinvolgenti della Scozia. Tornare bambini e credere per qualche minuto che qualcuno abiti le acque scure di questo lago è d’obbligo.

Quindi, quando visiterete la Scozia, non lasciatevi distrarre dal freddo e dalla pioggia, che il più delle volte potrà farla da padrona. Pensate semplicemente a rifarvi gli occhi.

 

 

No Comments

Post A Comment